Quante volte hai sentito dire che dovresti aprire un blog per il tuo B&b o agriturismo e poi hai lasciato perdere? Immagino tantissime.

Il blog aziendale è uno degli strumenti di comunicazione più importanti all’interno di una strategia di web marketing. Ti permette di raccontare il territorio, offrire ai potenziali clienti dei contenuti di valore e incrementare il traffico al sito web, ottenendo più prenotazioni.

Gestirlo non è facile ma neanche impossibile. Se non vuoi delegare questo compito ad un copywriter, devi seguire dei corsi di formazione, armarti di pazienza ed essere costante.

LA MIA ESPERIENZA CON IL BLOG PENNA IN VIAGGIO

A fine settembre 2016 sono andata on line con il mio blog Penna in Viaggio. Per me è stata una grande palestra. Ho seguito un corso di scrittura per il web e più corsi di Seo, sia on line che in aula.

La Seo è l’acronimo di Search Engine Optimization, ossia ottimizzazione per i motori di ricerca. In parole semplici, si tratta di tutte quelle tecniche che portano ad un incremento della visibilità del tuo sito su Google.

Ci tenevo a parlarti di questo aspetto perché è quello che mi ha permesso di triplicare il traffico sul mio blog. In pratica sono passata da circa 7.000 visite nel primo semestre 2017 a 23.000 nel primo semestre 2018 con un 52% di sessioni provenienti da Google.

È un lavoro che non porta risultati nel breve termine, ma ti assicuro che nel lungo periodo dà parecchie soddisfazioni.

Ti ho raccontato la mia esperienza personale per farti capire che avere un blog e curarlo dal punto di vista SEO è un’ottima occasione per farti conoscere dai clienti. I lettori del blog sono per lo più viaggiatori che cercano informazioni utili e consigli originali su cosa fare durante il loro soggiorno e tu con i tuoi post devi cercare di intercettare proprio loro.

PERCHÈ APRIRE UN BLOG PER IL TUO B&B O AGRITURISMO

Ecco quali sono i vantaggi di avere un blog da integrare al sito web della tua struttura ricettiva:

1 – acquisisci nuovi clienti in target attraverso contenuti nuovi, utili e di valore, pubblicati con regolarità;

2 – crei delle relazioni con il pubblico. Scrivere degli articoli tipo “ I cinque migliori ristoranti di Viterbo” oppure “Cosa fare in un weekend a Viterbo”, ti permette di anticipare le domande degli ospiti e magari ricevere dei commenti, creando una relazione a lungo termine.

3 – c’è un incremento del traffico verso il sito web.

COSA DEVI FARE PRIMA DI APRIRE UN BLOG PER IL TUO B&B O AGRITURISMO

Prima di iniziare a pubblicare i tuoi articoli devi fare una serie di analisi, rispondere ad una serie di domande e pianificare il lavoro.

ORGANIZZAZIONE

La prima cosa da decidere è se vuoi occuparti tu della redazione dei post o affidarti ad un copywriter. Se già ti occupi a tempo pieno della tua struttura ricettiva forse aggiungere un compito in più non è l’ideale. Gestire un blog è un vero e proprio lavoro e se non hai a disposizione minimo 4 ore a settimana per scrivere, ricercare le immagini, occuparti della Seo e della promozione sui canali social è inutile iniziare.

Se invece ti rivolgi ad un professionista considera un costo minimo di 40 euro solo per la scrittura dell’articolo, a cui poi devi aggiungere altro budget per la ricerca delle parole chiave. Questa è una delle fasi più impegnative per il professionista e sottovalutate da chi non lavora nel settore. Non si tratta di inserire nell’articolo solo la keyword scelta e sperare che i contenuti siano visibili sulla prima pagina di Google. Scrivere in ottica Seo significa individuare le parole che i potenziali clienti digitano sul motore di ricerca, studiarne la competitività e analizzare le serp e questo porta via un bel po’ di tempo.

SCEGLIERE LA PIATTAFORMA

Se il tuo portale turistico è stato realizzato su WordPress, allora parti già alla grande. Questo è il CMS (sistema per la gestione dei contenuti) più usato dagli sviluppatori per realizzare siti web ed è accessibile anche a chi come te non conosce il codice html. È molto semplice da utilizzare, intuitivo e perfetto per ottimizzare lato Seo gli articoli.

CREAZIONE DI UN PIANO EDITORIALE

Il piano editoriale è un documento che serve a programmare il tuo lavoro sul blog. Prima di iniziare devi fare uno studio sul target, sulla concorrenza, capire quanti post puoi scrivere al mese, quali sono i tuoi obiettivi in termini di marketing e monitorarli periodicamente.

Il passo successivo è fare una ricerca delle keyword più digitate dagli utenti attraverso tool gratuiti come lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Ads, Ubersuggest e Answer The Public. Inseriscile all’interno di un file excel e poi creane un altro con il calendario editoriale che riporta la parola chiave da inserire, il titolo dell’articolo e la data di pubblicazione.

CREA UN ACCOUNT SU GOOGLE ANALYTICS

Se hai un sito web, uno dei primi strumenti che devi usare è Google Analytics. Basta semplicemente avere un account di posta su Gmail, creare il codice di monitoraggio, collegarlo a wordpress e il gioco è fatto.

Grazie a questo servizio gratuito di Google raccogli una serie di dati statistici sugli accessi degli utenti, conosci meglio il target e sai quali contenuti legge di più. Tutte queste informazioni ti servono per capire se c’è qualcosa che può essere migliorato. Se ancora non lo usi è arrivato il momento di farlo!