Quando senti parlare di Seo per hotel e in generale per il settore del turismo ti viene l’orticaria? Ok, non è un argomento facilissimo ma neanche così tanto ostico come possa sembrare. Ad ogni modo il posizionamento sui motori di ricerca è fondamentale per farti trovare dai tuoi potenziali clienti quando escono da Booking e cercano il tuo sito per avere maggiori informazioni. Ne ho parlato nella mia guida gratuita al web marketing turistico.

COS’È LA SEO E PERCHÈ USARLA

La SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization, ossia ottimizzazione per i motori di ricerca. In parole povere si tratta di tutte quelle strategie che portano il sito web della tua struttura ricettiva ad essere più visibile su Google. L’obiettivo è quello di migliorare il posizionamento del portale per determinate parole chiave, in modo tale da incrementare il traffico e di conseguenza il numero di prenotazioni. Ma come puoi arrivare sulla prima pagina del motore di ricerca? Ecco i miei suggerimenti!

SEO PER HOTEL: COME RAGGIUNGERE LA VETTA DI GOOGLE

AVERE UN SITO WEB REALIZZATO SU WORDPRESS

Il primo suggerimento che ti do per posizionare il sito web del tuo hotel o altra struttura ricettiva su Google è quello di usare WordPress come piattaforma. È intuitiva, gestibile in autonomia e ottimizzata a livello SEO grazie al plugin Yoast By SEO. Quindi niente siti realizzati su Wix, Google My Business o Booking Suite. Tutti questi servizi anche se sono veloci e gratuiti hanno delle grandi criticità. Ad esempio Wix non ti permette di ottimizzare lato Seo le immagini perché il sistema le carica rinominandole con delle lettere, i template non possono essere modificati o personalizzati, i plugin sono limitati rispetto a WordPress e non puoi scaricare il backup del sito nè trasferirlo su un’altra piattaforma di hosting.

FARE UNO STUDIO DELLE PAROLE CHIAVE

seo per hotel-ricerca parole chiave

Le parole chiave, definite anche keyword, sono le protagoniste della Seo. Sono quei termini che gli utenti cercano su Google per soddisfare i propri bisogni di informazione e non solo.

Ci sono vari tool per fare questa ricerca. Quello che uso io è Ubersuggest: uno strumento gratuito che ti permette di avere con precisione il volume di ricerche effettuate dai visitatori nell’arco di un mese. Oltre a questo dato ti fa vedere qual è il costo per click che pagheresti se dovessi avviare delle campagne pubblicitarie su Google Ads, la concorrenza stimata nella ricerca a pagamento (PD) e in quella organica (SD).

Di sicuro la soluzione migliore è quella di adottare la teoria della long tail keyword, cioè selezionare parole chiave composte da almeno tre termini di ricerca, con un volume di traffico e una concorrenza molto bassi, ad es. B&b Catanzaro vicino ospedale pugliese. Chi fa questo tipo di ricerca di solito è un utente molto vicino alla conversione e quindi all’acquisto.

Un altro spunto per cercare parole chiave te lo dà direttamente Google. Hai notato qualche volta che quando inizi a digitare una frase il motore di ricerca ti dà dei suggerimenti? Ecco, prendili in considerazione ed inseriscili in un file excel dove ti sarai segnato tutte le parole chiave importanti. In aggiunta, puoi anche tenere conto di quelle correlate che ti indica in fondo alla pagina.

L’ultimo consiglio che mi sento di darti è quello di consultare Google Search Console, un tool gratuito che ti permette non solo di controllare lo stato di salute del tuo sito web ma anche le parole chiave digitate dalle persone che lo visitano.

Una volta fatto l’accesso, vai su Prestazioni, modifichi se vuoi l’intervallo di tempo ad es. 6 mesi e nella tab delle QUERY hai una lista di keyword, i click che ha generato e le impressioni, ossia il numero di volte in cui l’url collegato a quella parola chiave è comparso sul motore di ricerca.

seo hotel - google search console

OTTIMIZZARE OGNI PAGINA DEL SITO PER UNA SINGOLA PAROLA CHIAVE

Uno degli errori che si fa in ambito Seo per hotel e altre strutture ricettive è quello di inserire più di una parola chiave per pagina. La keyword research deve coprire sia ricerche informazionali da soddisfare con il blog e sia transazionali da coprire con le pagine di tipo commerciale. 

Tra le tante pagine del tuo sito almeno una deve essere ottimizzata per le recensioni perchè quella è una ricerca che fanno quasi tutti gli utenti su Google quando vogliono leggere le opinioni di chi è già stato presso la tua struttura.

OTTIMIZZARE LATO SEO LE IMMAGINI

Le immagini rappresentano un altro elemento fondamentale su cui lavorare per raggiungere la prima vetta di Google. Se vuoi ottimizzarle lato Seo devi:

  1. ridimensionare e comprimere le foto per non renderle pesanti e farle caricare più velocemente sul sito. Io ad esempio uso Photoshop che ha la funzione molto utile di “Salva per il web”.
  2. rinominare le immagini inserendo la parola chiave attinente
  3. inserire l’Alt text, ossia il testo alternativo che deve includere la parola chiave che ti interessa.

SCRIVERE ARTICOLI IN OTTICA SEO SUL BLOG

L’ultimo consiglio che ti do per posizionare sul motore di ricerca il sito web del tuo hotel, b&b o agriturismo è quello di scrivere articoli di valore per i tuoi potenziali ospiti.

Il blog è uno degli strumenti di web marketing più sottovalutati dalle strutture ricettive. Ti permette di raccontare la tua destinazione a 360°, dalla cucina tipica, le feste, i luoghi da non perdere e tanto altro, ispirando i visitatori a conoscere il tuo territorio.

Pensa ad esempio a quelle persone che stanno organizzando una vacanza nella tua struttura di Gallipoli e vogliono avere un’idea di cosa vedere in una settimana. La prima cosa che fanno è andare su Google e fare questa ricerca. Se con il tuo articolo ricco di consigli utili riesci a posizionarti in prima pagina hai vinto!

Hai difficoltà a posizionare su Google il sito web del tuo hotel, b&b o agriturismo? Scrivimi qui sotto per prenotare subito una call gratuita con me!